IT     EN

Il 12 e 14 Aprile gli Mnai’s sono andati in scena al Teatro Nazionale Barclays di Milano con lo spettacolo AROUND, nel quale ero in veste di coreografo Hip Hop.
Ci sono voluti otto mesi di lavoro per terminare la prima tappa di questo progetto, che ha l’obiettivo di portare questo spettacolo in giro per i teatri nazionali ed internazionali.
Prima che andasse in scena il tutto, molti mi hanno chiesto di che cosa si trattasse, che tipo di spettacolo si sarebbero trovati davanti, se di hip-hop o altro.
Nulla di tutto questo.

AROUND altro non è che il racconto del viaggio di una valigia smarrita, interpretato da sette ballerini di hip-hop e tre ballerine di modern/classica.
Questa è stata la novità: per la prima volta in Italia un produttore – che di nome fa Roberto Bosatra – ha messo a disposizione tutte le risorse disponibili per realizzare uno spettacolo, credendo con fiducia per la prima volta in un gruppo di ballerini di street dance, ivi compreso il sottoscritto come coreografo (mai accaduto prima d’ora).

Per la prima volta ci è stata data la possibilità di dimostrare che – con le risorse giuste – anche persone del “nostro” mondo sono in grado portare sul palco uno spettacolo che può piacere al pubblico più vario.
Per me e per i ragazzi è stata una meravigliosa esperienza, allo stesso tempo difficile e molto impegnativa, perché non abbiamo fatto quello che di solito siamo chiamati a fare.
Coreograficamente ho lavorato a fianco di un regista (Marco Silvestri) e di una direttrice coreografica (Mirella Rosso); il mio lavoro è stato quello di tradurre in passi di danza hip-hop l’esigenza di queste due persone, cercando di comunicare quello che il racconto richiedeva con le qualità dei ballerini, quindi non solo danza ma anche un faticoso lavoro sulle intenzioni.
I miei complimenti dunque vanno al gruppo, che si è messo in discussione ed ha fatto esercizi teatrali per poter essere il più credibile possibile nella recitazione sul palco.

Abbiamo così raccontato un viaggio, AROUND, non abbiamo fatto né hip-hop né danza contemporanea o contaminazione. Questo è quello che è arrivato anche al pubblico, ne siamo felici e fieri. Di sicuro ci sono molte cose ancora da migliorare, giustamente ci sono state critiche molto costruttive in merito, ma rimane il fatto di aver intrapreso con professionalità e convinzione una strada a noi sconosciuta fino al giorno prima.
Spero che questo show faccia capire il potenziale degli street dancers Made in Italy anche in altri contesti.
Rimane il fatto che è stata data fiducia ad che un personaggio del mondo hip-hop – sconosciuto nell’ambiente teatrale – ed egli ha dimostrato di saper lavorare con altre figure professionali per uno spettacolo di queste dimensioni.
Questa esperienza mi ha fatto crescere e fatto toccare con mano problemi a me ignoti fino a ieri, oltre ad aprirmi una nuova porta verso una nuova strada.
Ringrazio pertanto questo splendido team.

Ballerini:
Carlos Kamizele
• Marco Cristoferi (Kira)
• Mattia Quintavalle (Sly)
• Imad Kerrachi (Imad BK)
• Enrico Savorani (Chicco)
Xu Ruichi
• Simone Panzera (Shorty)

Ballerine:
• Monica Vallini
• Jessica Sala
• Beatrice Restelli

Produzione: Roberto Bosatra
Regia: Marco Silvestri
Direttrice Coreografica: Mirella Rosso
Direttore fotografia: Gianni Melis
Coreografo Hip Hop: Kris

Grazie di cuore a tutti voi per la vostra pazienza, professionalità e fiducia.
Un grazie particolare a Carlos, per aver voluto fortemente la mia presenza all’interno di questo progetto.

Kris

  • Print
  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Google Bookmarks
Categories: Experience, Special

Leave a Reply


  • Facebook
  • google plus
  • Twitter
  • RSS
  • Delicious
  • Roc n. 21721