IT     EN
dic 22

Sarda Family

..Sardinia State of Mind

Non poteva che essere così: tutti insieme, rannicchiati sul divano. Poche parole, grande legame, ma soprattutto tanta umiltà verso la loro terra e – vuoi per l’inverno bolognese o per l’ora dell’intervista – un po’… infreddoliti!

Ma chi ve l’ha fatto fare di lasciare la splendida Sardegna per il freddo bolognese?
Se hai obiettivi importanti, ad un certo punto la Sardegna ti va stretta. Ci siamo trasferiti a Bologna per essere più connessi con la scena e più stimolati. La nostra regione ci manca, ma questa era una scelta obbligata e siamo felici di averla fatta. Noi qui, Amelia, Omar e Clo tra N.Y. e Londra, dovevamo aprire i nostri orizzonti e lo stiamo facendo. Qui è tutto più funzionale: eventi, scuole, jam, concerti, etc. Tante volte sembra che chi vive in Italia non si renda conto della quantità di cose che potrebbe fare. Eppure ai concerti i ballerini presenti sono pochi.

Cosa intendete?
Ci ha stupito notare che molti ballerini hip-hop hanno i passi ed i movimenti, ma alla fine a viverlo pienamente sono davvero in pochi. Noi cerchiamo di viverlo in maniera più ampia, abbiamo scelto Bologna non tanto per la street dance, quanto per l’hip hop in senso culturale. Ci riferiamo a gente come DJ Lugi, Gruff, ai centri sociali ed ai dj set. Il ballo è una conseguenza.

Come è stata l’integrazione?
Dura, come era normale che fosse, ma grazie a persone come Marco Migliaccio, Hamza, Denis, Byron ed Enrythm siamo riusciti ad inserirci ed adesso viviamo qui con maggiore serenità. Le nostre frequentazioni sono più milanesi che emiliane; in linea di massima andiamo d’accordo con tutti, ma se dovessimo fare un nome di una crew che sentiamo particolarmente vicino sono gli All Style. In tutto questo dovevamo scontrarci anche con la nostra chiusura/timidezza, che ci frenava in molti rapporti interpersonali. Ci ha già ostacolato in passato e l’ha fatto soprattutto quando dovevamo inserirci in un contesto nuovo come Bologna. Ora è tutto ok, ma non nascondiamo come ci abbia spiazzato un po’ il gran numero di amicizie fittizie o di legami votati al tornaconto all’interno nella scena. Tutto gira intorno ai battle, senza rapporti veri persino dentro le crew. Questo modo di vivere ci ha preso in contropiede, ma ormai ci stiamo abituando. Di certo suona alquanto bizzarro notare come uscire per una pizza od un aperitivo, giusto per il gusto di stare insieme o conoscersi, resti un’usanza aliena al nostro settore.

Sarda Force, Sarda Family: la Sardegna sempre centrale!
Vivere su di un’isola ti rende giocoforza più insicuro e staccato rispetto alla terraferma ma allo stesso tempo, molto spesso, hai più fame perché devi rappresentare e dimostrare di essere all’altezza. Negli anni, lavorando con i bboys, i primi ad aprirsi sono stati i Devasta Kings, anche se poi l’amicizia e la collaborazione più stretta l’abbiamo avuta con gli Ormus Force. Ovviamente l’attitudine è aumentata ed è stato quasi automatico. Siamo passati dalla diffidenza al condividere serate al Lido di Cagliari od al Linea Notturna; vibrazioni e scoprirci uguali, sia che si andasse a terra sia che si ballasse in piedi. Il nostro viaggio non terminerà a Bologna, perché l’Emilia costituisce soltanto un primo step. Nel nostro futuro c’è probabilmente l’estero. Una cosa che sentiamo di dover dire ai nostri conterranei è di muoversi e lasciare la Sardegna, per evolvere come persone ed artisti. Pensa che fino all’arrivo di Street Fighters in Sardegna i nostri obiettivi erano l’Mc Hip Hop Contest, Feel da Bounce e Gran Premio della Danza. In Sardegna si è ancora troppo legati all’aspetto coreografico. C’è bisogno di evoluzione e con il potenziale a disposizione ci potrebbe essere un gran livello.

Futuro?
Questo sarà l’anno dedicato alla crescita personale, per apportare uno step in più alla crew che sicuramente non resterà ferma. Prima di chiudere volevamo salutare e ringraziare Amelia, Ormus Force, Yaio e Boogie per tutto quello che hanno fatto per noi. Se siamo qui è grazie a loro.

  • Print
  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Google Bookmarks
Categories: Special Crew

Leave a Reply


  • Facebook
  • google plus
  • Twitter
  • RSS
  • Delicious
  • Roc n. 21721