IT     EN

Yes, I Love This Game! Sapete a cosa mi riferisco. Ancor di più in quella parte dell’anno (maggio-giugno) che vede le fasi finali della stagione NBA: i playoff. Al basket americano, si sa, è effettivamente legato un giro d’affari più ampio rispetto ad ogni altro sport; inoltre gli atleti sono vere celebrità, collegate quasi sempre a marchi di abbigliamento importanti a livello mondiale.
Ecco allora che da un biennio il marchio Adidas, sostituendo i brand che lo hanno preceduto, ha deciso di acquistare i diritti per vestire ufficialmente tutte le squadre della lega, sapendo di raggiungere così un risultato certo: sold out, su tutti i campi! Procediamo step by step: la tank. Il noto brand si apre al mercato creando, oltre alla divisa “authentic” (quella indossata ufficialmente durante le gare dalle squadre, molto costosa e solo per pochi, quasi impossibile da avere) altre due linee: la “swingman” e la “replica”.
La prima è una fedelissima riproduzione della linea da gara, in tessuto traforato con numeri e nomi squadra/player cuciti, meno cara ma comunque non facile da avere. La seconda è invece quella più accessibile come prezzo, differente però dalle altre, con spallina più larga ed applicazioni non cucite ma stampate, tessuto meno traspirante e meno resistente, etichetta più semplice, senza ricami della lega.
Fino a poco tempo fa era l’unica ad essere reperibile su di un mercato non facile; anche ora è la più venduta delle tre. Short: qui il brand ha deciso di muoversi con la sola linea “swingman”, riuscendo a dare al pubblico un modello ad ottimo rapporto qualità/prezzo, oltre che facilmente indossabile. Tutto questo – top e bottom – in vestibilità “reale” (come indossato dai giocatori), normalmente in length +2, ovvero capi più lunghi e larghi del normale. Sono state prodotte e messe sul mercato anche le seconde e terze divise, in altri colori.
Non solo: Adidas ha infatti riprodotto i modelli legati agli anni ’80 e ‘90 di giocatori storici come Magic Johnson, Karl Malone, Scottie Pippen, Larry Bird, Dennis Rodman e tanti altri, con trame differenti e tipiche di quegli anni. Ora che anche New Era e Stance producono rispettivamente calze e cappelli legati alle squadre NBA, potrete davvero vestirvi da capo a piedi, urlando nuovamente il leit-motiv di quegli anni: I Love This Game!

Categories: Dress Up

Leave a Reply


  • Facebook
  • google plus
  • Twitter
  • RSS
  • Delicious
  • Roc n. 21721