IT     EN

Alcune domande a DAVID VENTO

Quando è partito il progetto Ritmo Urbano?

È iniziato 13 anni fa, quando ho avuto l’idea di creare un programma hip hop per la TV ed iniziare a muoverlo in diversi canali.

Qual è il suo background e chi lo cura?

Lo scopo è quello di promuovere tutti gli aspetti della nostra cultura, che sono familiari a pochi, e di provare a rimettere insieme alcuni elementi che sono andati perduti. Ecco perché in ogni puntata abbiamo una sezione per i graffiti, per la break, il rap, i dj, il beatbox e l’agenda della settimana. Quindi, per chi volesse guardare il programma solo per il rap, prima deve “papparsi” un writer, un b.boy, un dj ed in generale un po’ di cultura.

Qual è la situazione in Spagna? Come va la relazione tra le discipline dell’Hip Hop, la realzione tra i b.boy e gli stand up dancers e – all’interno della scena stand up – tra freestyle e coreografia?

C’è dispersione, come ho detto precedentemente. Si stanno sparpagliando in modo pericoloso. Comunque sia, il livello di ciascuno è cresciuto in modo esponenziale. Eccetto che per i font utilizzati per le tag ed i graffiti, per il resto siamo ad un buon livello.

La TV spagnola produce questo format per l’audience o per la cultura? Intendo, Rte – è pubblica giusto? – si focalizza più sullo share o sul contenuto che viene trasmesso?

La TV spagnola non produce il programma. Lo facciamo noi, registrando ogni settimana. L’unico ricavato viene speso in Grill. D’altro canto, nella TVE vi sono gli spot pubblicitari, che sono tutto quello che conta per gli ascolti, ovvero lo fanno anche per questa ragione.

Possiamo dire che in Spagna c’è differenza tra lo stile di Barcellona e quello di Madrid o Siviglia? Che ci dite dei gusti e degli stili della scena spagnola e delle sue crew?

In Spagna abbiamo diversi stili ed influenze. Le differenze dipendono da quali crew rappresentano le diverse zone. Parliamo dello stile del south, con forti powermove e trick, di Madrid con top rock e footwork ed ora Barcellona, che presenta una scena eterogenea poiché ci vive gente proveniente da tutta la Spagna.

La scena b.boy e quella della stand up dance sono più vicine di prima?

Negli ultimi anni la scena stand up (hip hop old and new school, house, poppin’, lockin’) si sta avvicinando alla scena b.boyin’, grazie agli eventi, le jam ed i campionati che combinano entrambe le scene. È utile per tutti, poiché se si conoscono tutti gli stili si può diventare un ballerino migliore e si possono capire tutti i passi.

Qual è l’aspetto più curioso che hai ritrovato in questi anni e cos’hai imparato grazie alla trasmissione?

Ritmo Urbano mi ha dato motivazione e speranza per la scena hip hop spagnola, perché sfortunatamente negli ultimi anni le cose che si sono viste nella TV hip hop sono spazzatura, TV spazzatura ed i reality show hanno creato situazioni che hanno umiliato il movimento.

Dateci la programmazione di Ritmo Urbano, con orari e giorni

National Times Emission (Spagna): Lunedì alle 1:00 AM International Channel TVE Times.
Emission Europa/África: Domenica alle 02:00.
América 1: lunedì alle 06:30 (notte della domenica). América 2: lunedì 08:30 (notte della domenica). Asia: il sabato alle 20:30.

Categories: Special

Leave a Reply


  • Facebook
  • google plus
  • Twitter
  • RSS
  • Delicious
  • Roc n. 21721