IT     EN

Cosa significa essere un OG e quali responsabilità comporta?

Il significato di OG nell’hip hop oggi ha una terminologia errata. OG in origine sta per Original Gangster. Ora questo termine viene usato per riferirsi a chi ha una storia nel passato. Io non voglio essere un OG, voglio essere il presente.

I membri più anziani della cultura hip hop in Europa parlano sempre di com’era la cultura hip hop della loro generazione e guardano sempre al passato. Non credi sarebbe più giusto prendere il meglio da ciascuna generazione vivendo il presente?

Beh, posso essere d’accordo con questo ‘sguardo al passato’. Non bisogna dimenticarlo ed aiuta a modellare il futuro. Se si guarda e si impara dal passato ci aiuterà a sapere cos’è reale e cosa non lo è. Dici che sarebbe più giusto guardare al meglio di ogni generazione, ma ciò che ti rende migliore è la conoscenza e l’amore per ciò che c’era prima e dopo di te, non solo per il movimento.

Sei stato molte volte in Italia, come pensi si viva la cultura hip hop nel nostro Paese?

Non posso realmente rispondere a questa domanda, perché non sono ancora stato abbastanza per vedere come la gente vive. Posso parlare per i contest di danza che ho visto o giudicato. Vivere l’hip hop è più della sola competizione. La competitività porta le persone nello stesso posto, ma non significa che stiano vivendo l’hip hop.

Vecchio contro Giovane, Esperienza contro Fame. Chi vince?

Se si tratta di un battle dipende dal momento, ma non si può affermare che chi vince, lo fa perché più vecchio o più giovane. La fame per la conoscenza di ciò che stai facendo invece vincerà sempre.

Cosa pensi delle persone che si definiscono ballerini/insegnanti/coreografi senza avere alcuna esperienza, o di chi insegna un dato stile senza averlo mai studiato prima? Come fermare tutto ciò?

Li definisco non-artisti. Non hanno amore per ciò che fanno, perché se lo amassero davvero si prenderebbero il tempo per imparare tutto quello che c’è da imparare anche al di fuori della danza che stanno insegnando. Non c’è un vero modo per fermarli, a meno che i ballerini non inìzino a fare domande su ciò che stanno imparando e sui passi che stanno imparando.

Qualche consiglio per ballerini e futuri ballerini?

Il mio consiglio è semplice, per ballerini e futuri ballerini. Ballate solo per una ragione: perché amate farlo, e se lo farete per questo e vi definirete ballerini, allora lo siete. Non ci sono futuri ballerini.

Categories: Guest

Comments are closed.

  • Facebook
  • google plus
  • Twitter
  • RSS
  • Delicious
  • Roc n. 21721