IT     EN

America’s Best Dance Crew, noto anche come ABDC, è un programma di MTV America che nasce dall’idea del cantante e produttore Randy Jackson, nel quale le migliori crew degli Stati Uniti d’America (e non solo) si sfidano per vincere 100.000 dollari.
Il programma è presentato da Mario Lopez e Layla Kayleigh.
Il sistema di punteggio prevede principalmente la votazione da casa tramite internet o telefono, mentre i giudici presenti durante la trasmissione sono Lil Mama, JC Chasez e D-Trix, membro della Quest Crew vincitrice della terza stagione del programma. A partire dalla sesta stagione quest’ultimo ha sostituito Omarion, che a sua volta aveva preso il posto di Shane Sparks.
La prima stagione, trasmessa da MTV America nel 2008, è stata vinta dai Jabbawockeez; la seconda stagione dalla Super Cr3w. Nella quarta stagione, invece, a trionfare è stata la crew tutta femminile delle We are Heroes. A seguire si sono laureati campioni prima i Poreotix (quinta stagione), poi gli I aM mE nella sesta. Infine gli Elektrolytes nella settima.

L’idea del programma nasce dagli stessi organizzatori della competizione di fama mondiale “Hip Hop International” che vede le finali ogni anno a Las Vegas. Con il supporto di MTV e del produttore Randy Jackson, si decise di creare un progetto che riportasse appunto l’idea della sfida tra crew presente nell’HHI in versione televisiva. Quindi riducendo al minimo la durata delle performances (circa 1 min) per esaltarne la spettacolarità, inserendo cosi in modo concentrato un maggior numero di effetti visivi e di acrobazie possibili, permettendo alle crew di poter spingere al massimo nei 60 secondi a disposizione.
Anche i remix e le musiche vengono create appositamente per il programma, utilizzando canzoni ed artisti più in voga negli USA, che durante il programma forniscono video di shout out o presenziano alle prove per motivare le crew.
La fine della serie, dopo la settima stagione nel 2012, è stata decretata da una mancanza di fondi dovuta al mancato rinnovamento del format dello show, che essendo stato usato così tante volte era diventato troppo prevedibile e ripetitivo per le persone che seguivano la serie regolarmente. In più il percorso fino alla proclamazione dei vincitori era divenuto troppo ovvio, quindi tutta la suspance nell’indovinare chi avrebbe vinto era ormai giunta ai minimi termini, perché tutti già immaginavano cosa sarebbe successo.

Nonostante molte crew abbiano iniziato anche a presenziare ad America’s Got Talent, gli ascolti di ABDC non ne hanno risentito; gli amanti del genere sono rimasti fedeli all’unico programma di qualità, come gli amanti del contemporaneo continuano a preferire So You Think You Can Dance. Questo perché molto spesso le crew vincitrici di ABDC e quelle con un buon seguito vengono invitate a partecipare ad AGT dalla produzione stessa, quindi si possono facilmente ritrovare anche lì le stesse crew o gli stessi componenti, rimescolati in nuove formazioni o come solisti.

Il problema dei 2 giudici su 3 non siano ballerini di hip hop è di facile soluzione: se mettessero in tv dei giudici di hip hop veri e propri, solo la stretta cerchia di esperti del settore guarderebbe il programma, visto che le persone hanno bisogno di riconoscere almeno una faccia famosa per guardare un programma. Quindi cantanti o persone dello spettacolo che hanno un seguito più vasto dei ballerini riescono ad attirare un pubblico maggiore.

Alcuni retroscena del programma stanno nel fatto che non tutti sanno che le puntate sono registrate e non in diretta (comprese le finali), quindi ogni singola performance viene eseguita due volte di seguito dalle crew durante le registrazioni. Poi viene fatto un montaggio con i pezzi migliori. Quindi sia le crew che il pubblico sanno già quale crew verrà eliminata e chi passerà il turno prima che il televoto sia chiuso. Dunque, per tutto il periodo del programma, le crew non hanno il permesso di lasciare gli studi televisivi o l’hotel e sono severamente vietate fughe di notizie via facebook, twitter etc.
Anche al pubblico presente durante la registrazione viene fatto firmare un contratto che obbliga a tacere qualsiasi informazione riguardante lo show.
Per quanto riguarda le finali, vengono registrate entrambe le crew come vincenti e viceversa perdenti. Viene poi mandata in onda solo la puntata con la crew che avrà ottenuto più voti da casa alla chiusura del televoto.
La vita professionale delle crew dopo ABDC varia molto a seconda dei feedback che ognuna di esse riceve durante il programma e dal numero di fans e followers che riesce a crearsi.
Ovviamente molto spesso sono le crew vincitrici che ne benificiano di più, ma non sempre è cosi. Sta poi alla crew fare una buona scelta nel management e nella continua promozione del proprio lavoro, per riuscire a continuare ad ottenere richieste ed opportunità, quindi a durare nel tempo. Si può perciò considerare ABDC come una buona vetrina per i ballerini, di sicuro un’esperienza professionale e di vita indimenticabile, per quanto dura ed intensa a livello fisico e mentale. Ovviamente il grosso del lavoro, per ogni gruppo che decide di continuare su questa linea, inizia dopo.
Una delle più grandi crew di successo del pianeta sono infatti i Jabbawockeez, che subito dopo aver vinto la prima edizione del programma si sono uniti alla SuperCr3w ed hanno investito tutto in uno show, chiamato “MUS.I.C.” in scena ogni sera da due anni a questa parte al Monte Carlo di Las Vegas. Uno spettacolo che ora, insieme al proprio brand, vale migliaia di dollari e ha sicuramente riservato loro un posto d’onore tra le leggende di questo genere.

Susan Ancillotti – Spotlight Agency

Categories: Special

Comments are closed.

  • Facebook
  • google plus
  • Twitter
  • RSS
  • Delicious
  • Roc n. 21721