IT     EN

The Original Feeling

Quello che conosciamo dell’House come cultura si sta espandendo in tutto il mondo. Ciò che è cominciato essendo estraneo a moltissimi giovani nel mondo, negli ultimi dieci anni è diventato popolare anche grazie ai sempre più numerosi contest di ballo che includono l’House come categoria. Per quelli che hanno reso possibile tutto questo da dietro le quinte è grandioso, ma diventa un problema quando questi non diffondono le loro conoscenze sul significato della cultura.

Fa male agli studenti ed alla cultura. Come insegnanti, dobbiamo continuare a condividere le nostre esperienze attraverso l’House. Parlare, insegnare e trasmettere ai giovani la verità su questa cultura. L’House è divertimento, godere di ogni momento e viaggiare con la musica. L’House è esprimere sè stessi e perdersi nella musica.

La mia crew – i Dance Fusion – è nata nel 1997, ma tutti noi andavamo già nei club da tempo. Ho incontrato Marjory allo Studio 54 ed alla fine degli anni ottanta ho conosciuto il resto della crew al Tunnel, un club molto popolare all’epoca, dove tutti i bravi ballerini andavano per ‘scatenarsi’. Siamo ragazzi da club che arrivano dal Paradise Garage, veniamo dai party hip-hop, i College Party e prima andavamo in club come il Tunnel, Sound Factory, The World, MKS, Nells e Mars. All’epoca in questi club c’erano i migliori party della città e ciò che mi manca di allora è che ballando tra di noi ci divertivamo davvero. L’atmosfera era fantastica grazie a dj’s del calibro di Dj Basil, Dj Clark Kent, Dj Dobby Conders, David Depino, Lil Louie Vega, Larry Levan, Funk Master Flex, Gold Fringer, Duke of Denmark…

Ora sento che i giovani ballerini non hanno lo stesso feeling quando si tratta di ballare. L’unica cosa che importa sono loro stessi, il contest e chi lo vince, e se non lo si vince ci si arrabbia con il giudice perché non ha premiato te. La ragione per cui dopo tutti questi anni sono ancora parte del movimento è per la sensazione che provo quando sento una buona canzone, per come questa tocca qualcosa dentro di me e mi fa venir voglia di ballare. Porta la mia mente in uno stato dove nulla importa più della musica e di come innalza la mia anima.

Il movimento da New York è arrivato al Giappone, poi all’Europa. Per capirci: sto parlando della danza, o dello stile chiamato House Dance, che proviene da New York City…

Spero di vedervi al prossimo evento o jam, oppure nel prossimo Street Dance Magazine.

  • Print
  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Google Bookmarks
Categories: Experience

Comments are closed.

  • Facebook
  • google plus
  • Twitter
  • RSS
  • Delicious
  • Roc n. 21721