IT     EN

theWeek

It’s the Week, baby.. it’s the Week!” riecheggia ancora nella nostra mente tra la gioia di chi l’ha vissuta, la tristezza di chi non c’era e la malinconia che si farà sentire per tanti mesi ancora, prima dell’edizione 2013.
C’è chi fa il countdown, chi anche d’inverno torna al Merendero per ingannare l’attesa, chi propone The Month, chi propone The Year ed ancora chi – come gli organizzatori – dice che una settimana basta e avanza, chi riguardando le foto di Little Shao ed il recap video di Yak Films non vede l’ora che arrivi di nuovo luglio, alla faccia delle profezie Maya e della crisi.

The Week resta di sicuro un’experience a 360 gradi, che lascia il segno per bocca degli stessi artisti presenti:
P Lock: “Il più bell’evento in assoluto”.
Super Dave: “The Week è unico”.
Bruce: “Il migliore summer camp senza ombra di dubbio”.
Gucchon: “Se non mi dovessero invitare il prossimo anno, verrò comunque in vacanza a The Week come hanno fatto Caleaf e Joseph Go quest’anno. Spero mi invìtino ancora però! Ahahahah!”.
Firelock: “Wordddddd!!!!!!”.

A marchiare a fuoco questo The Week l’energia, la positività ed il fascino di Marjory Smarth, una divinità d’ebano che ha ammaliato tutti gli street dancers giunti a Cesenatico.

Tra i protagonisti di The Week 2012 ovviamente anche gli Mnai’s, vincitori sia del Best Show che della Finalissima di Street Fighters European Tour, in una cavalcata che li ha visti imporsi in semifinale sui Marseille Connection ed in finale sui Klandeskillz, detentori del titolo 2011.

La finale di Street Fighters è stata probabilmente il picco massimo che un contest di Street Dance in Italia abbia mai toccato per intensità, livello ed energia.

The Week è famoso anche all’estero per i suoi party, in cui oltre all’immancabile Yacht Party va annotato l’House Party decisamente sopra le righe del lunedì – curato da Dj Ricky – ed un entusiasmante Pool Party nella nuova location del 4 Venti (date un’occhiata alle foto di Matteino su facebook per capirne lo spirito, ndr)

Il Give it Up si è chiuso con la conferma di Richard Pop nel poppin’ e Manu et Loic nel locking, la vittoria di Carlos e Rex nell’Hip Hop e di Karim nell’house, in una tiratissima finale con Bembika.

Per il 2013 in cantiere ci sono un po’ di cambiamenti, che renderanno questa storica competizione sempre più affascinante.

Una menzione va fatta anche ai piccoli under 14, che giovedi 12 luglio hanno bloccato viale Carducci per la prima edizione del Give It Up Jr., dando spettacolo ed offrendo spunti di rilievo per il futuro della scena hip hop italiana. Basti pensare che Antonio X Five, dopo aver vinto la sua categoria nel poppin’ è stato capace di raggiungere la finale nel Give it Up dedicato ai più grandi, cedendo solo a Richard Pop.

Se il buongiorno si vede dal mattino possiamo essere fiduciosi per gli anni venire, ricordando che il percorso di un ballerino non finisce comunque mai e che una rondine non fa primavera.

Tralasciando la netta vittoria dell’Italia sul Resto del Mondo nel classico match calcistico del venerdì mattina (non spariamo sulla Croce Rossa, di cui avrebbero avuto bisogno un po’ tutti i giocatori a fine gara), si può tranquillamente dire che questo è stato il miglior The Week di sempre, con una scena italiana che – seppur in un inglese ancora poco competitivo – riesce a divertirsi, farsi rispettare e divertire le decine e decine di ragazzi giunti da 30 nazioni diverse, per vivere “the most exciting hip hop Festival in Europe”: The Week!!!

 

 

The Week 2013: Cesenatico 14-21 luglio

 

 

The Week 2012 Italy Finals Recap by YAK FILMS

link Photo by Little Shao

  • Print
  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Google Bookmarks
Categories: Report, World Jam

Comments are closed.

  • Facebook
  • google plus
  • Twitter
  • RSS
  • Delicious
  • Roc n. 21721