IT     EN
dic 13

Female Jam

Female Jam

Back To The Roots

Female Jam è nata nel 2008 come una scommessa sulle donne dell’hip hop e sulle loro skills nelle quattro arti: dalla danza al djing, passando per il writing e l’mcing.
Female Jam è la prima manifestazione italiana con un cast 100% femminile, che cura la propria immagine come solo le donne sanno fare e che dà importanza ad ogni dettaglio: allestimenti, atmosfere, foto, video, merchandising.
Ogni cosa è fondamentale ed ogni particolare è curato in nome di un’estetica “pink”, che contraddistingue l’evento sin dalla prima edizione. Non a caso Female Jam nasce dall’idea di un’atipica ed ironica fashion designer – dallo spiccato animo “black” – alla quale si affianca successivamente una ballerina e coreografa di fama nazionale ed internazionale.

Dopo due edizioni a Firenze ed una a Torino (più un intermezzo milanese) il 22 e 23 ottobre 2011 è stata Genova a colorarsi di rosa per la due giorni di danza, musica, arte e moda, con le donne a fare da protagoniste indiscusse. Il motto dell’edizione 2011 è stato ‘Back to the Roots’, ovvero un ritorno alle origini della cultura black attraverso suoni, movimenti, ritmi e colori, resi perfettamente dall’immagine/illustrazione realizzata da Enrica Mannari.

Un cast composito, tra nomi di fama italiana ed estera, ha animato l’evento sin dalle prime ore.
Le classi di danza sono state aperte dalla biondissima danese Eva Schou, con una coinvolgente lezione di Wacking. A seguire, l’energica classe di dancehall condotta da Giulia “Baggy” Berretta.
In chiusura tutti scalzi, sui ritmi afro di Evelyne Mambo (from France).

Il Seven Days ha aperto molto presto le porte alla One Night di Female Jam, ospitando una numerosa miscela di pubblico: ballerini, amici, curiosi e sostenitori dell’evento provenienti da tutta Italia.
A scaldare l’atmosfera iniziale ci ha pensato la selecta di Whitey B, dj perugina residente a Londra e già vista in azione allo Space di Firenze, durante la prima edizione.
Il vero inizio lo hanno però dato al microfono La Meli & La Mile (Melissa Valtulini e Milena Garofano), accoppiate non solo per assonanza di nomi, ma anche per la grande energia ed intrattenimento a cui hanno dato vita. Le selezioni dell’ormai consolidato contest Bonnie&Clyde hanno visto più di 40 coppie contendersi gli 8 posti disponibili, sotto gli occhi tecnici e ben truccati di Serena Ballarin, Niky Tsappos ed Eva Schou.

Più divertenti e con “effetto-sorpresa” quelle del Me Against the Female Music, un format conosciuto e riadattato per l’occasione, in cui la nostra dj è passata dalle slow jams alle sigle dei cartoni animate (ovviamente cantate da donne), mettendo di proposito in difficoltà il ballerino/a di turno.
Alternate alle selezioni, sono andati in scena gli show delle 23 con Faya Dancehall Crew (direttamente da Roma) e le genovesi Wanasgana.
A spezzare quest’ondata di contest ed a far ballare veramente tutti ci hanno pensato Adriana Hamilton & The 4 for Africa Big Band, con un live super coinvolgente che ha spaziato dal funk all’afro, passando dai brani del suo album: “The Secret”.
Le fasi finali dei contest hanno visto ballerini di livello sfidarsi in un mixed style supercool, dal quale sono usciti vincitori Karim & Giorgia Ladyzone. A stupire il pubblico ed a vincere il M.A.F.M. è stato però Aziz, con un esuberante freestyle sulle note delle Destiny’s Child.

La performance del duetto Sesè+Fede Loredan ha chiuso le esibizioni ed è servito da apripista per le danze a chi ha resistito fino alla fine. Il giorno dopo – puntuali nonostante le fatiche della sera precedente – sono ricominciate le lezioni con Tina, Sesè, Natalia Vallebona e Niky.

Gli obiettivi delle due fotografe Elena Strada e Francesca Riccioni - oltre a quello della videomaker Nilde Mastrosimone - hanno seguito professionalmente ed immortalato tutte le 48 ore di emozioni, energia, good vibes, fatica alternata a momenti di relax, sorrisi e complicità.

Un’altra edizione si è dunque conclusa, lasciando a tutti la voglia di rivivere le emozioni da poco provate.
Ma Female Jam, come tutte le donne che si rispettino, si fa desiderare.

Quindi l’appuntamento è per il 2012.

  • Print
  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Google Bookmarks
Categories: Italian Jam, Report

Comments are closed.

  • Facebook
  • google plus
  • Twitter
  • RSS
  • Delicious
  • Roc n. 21721